Cedronella

La femmina della cedronella (Gonepteryx rhamni) è verdastra e non giallo limone intenso come il maschio.

La cedronella: congela, scongela e riparte in volo

La cedronella (Gonepteryx rhamni) è relativamente diffusa in Svizzera. Tra le farfalle autoctone è l’unica a svernare all’esterno da insetto adulto alato. Tutte le altre farfalle superano la stagione fredda allo stadio di uovo / bruco / crisalide o, come nel caso della farfalla occhio di pavone, da farfalla adulta al riparo in sottotetti o cantine protetti dal gelo. La cedronella, invece, pende senza protezione nella vegetazione a partire dal tardo autunno ed è esposta agli agenti atmosferici senza protezione. Affinché il suo corpo non si congeli a temperature sotto lo zero, lo arricchisce prima con un “antigelo”, che consiste principalmente di composti di glicerina. Allo stesso tempo, la farfalla riduce la quantità di liquidi e può così sopravvivere a temperature fino a – 20°. Già nelle prime giornate miti di febbraio, una volta scongelata, la vita continua. Grazie a questo ciclo di vita unico, le cedronelle vivno molto più a lungo di tutte le altre farfalle locali.

Ulteriori contributi